PASSEGGIATA FOTOGRAFICA gratuita ai VERGINI e alla SANITÀ
 
FlegreaPhoto

PASSEGGIATA FOTOGRAFICA gratuita ai VERGINI e alla SANITÀ

coordinata da LUCA SORBO | in collaborazione con Flegrea PHOTO associazione

 

Sabato 29 settembre alle 15.00 faremo una passeggiata fotografica ai Vergini e alla Sanità con Luca Sorbo, fotografo e docente all'Accademia di Belle Arti di Napoli. Ci incontreremo alle 15.00 presso l'ingresso esterno della stazione Cavour della metro 2 di Napoli.

Un occasione unica per conoscere uno dei quartieri più caratteristici di Napoli. Il mercato dei Vergini in cui tra chiese, palazzi nobiliari e clan ci sono tracce della Napoli più autentica. Raccontare un mercato è sempre una delle sfide più complesse per un fotografo. Esploreremo sia le bellezze architettoniche come il palazzo dello Spagnolo, palazzo Sanfelice, il cimitero delle Fontanelle e la chiesa di Santa Maria alla Sanità, sia gli aspetti sociali ed umani. Il quartiere era al tempo dei Greci la valle dei morti della città e questo culto è pervenuto fino ai giorni nostri. Proveremo a raccontare questa stratificazione storico artistica con la fotografia, analizzeremo sia gli aspetti tecnici che quelli espressivi. Sarà sicuramente entusiasmante il contatto umano con gli abitanti del quartiere che sono sempre molto ospitali. Vedremo anche come comportarsi per realizzare un reportage efficace in una realtà complessa come questa.


Dovremo essere capaci di distinguere tra la scenografia che la storia ci dona, dalla vita presente, cercando di trovare nella superficie le tracce della vita più profonda e vera della città. Ogni partecipante dovrà raccontare una ministoria di 3 foto e provare a lavorare sul tema simmetria ed asimmetria.

PER PRENOTARE contattare su messenger Sorbo Luca o inviare una mail a contact@flegreaphoto.it


Luca Sorbo
nasce a Napoli il 19-10-1966 e dopo aver seguito gli studi in Economia ed aver collaborato in un'azienda agricola di famiglia comincia nel 1994 a collaborare con l'agenzia fotogiornalistica Graffiti di Roma seguendo festival e varie manifestazione. E' un periodo in cui viaggia molto per lavoro ed in particolare nel  1994 e 1999 va in Palestina e realizza un reportage sui campi profughi che sarà pubblicato dall'Università l'Orientale dal titolo "Sguardi di pace, segni di guerra". Ha varie esperienze sia come fotografo di  moda che di scena. Poi comincia ad occuparsi di storia delle tecniche fotografiche e sperimenta molti procedimenti fotografici dell'Ottocento, dalla cianografia, alla carta salata. Lavora come stampatore professionista e attraverso corsi e workshop conosce quasi tutti i procedimenti di stampa, sviluppando una riflessione sui rapporti tra tecnica e linguaggio.   Segue un corso al CRAF di Spilimbergo specializzandosi in conservazione ed archiviazione della fotografia.  Poi si specializza in restauro della fotografia presso gli Alinari e l'Opificio delle pietre dure.  E' docente all'Accademia di Belle Arti di Napoli dal 2005. Lavora anche come professionista e tieni numerosi corsi e workshop.  Ha pubblicato molti libri tra cui: "Napoli e la fotografia" e "Saggi e riflessioni sulla fotografia a Napoli" editi dalla ESI , poi "Italia inedita di un secolo fa" edita da Intramoenia. Ha ricostruito la Napoli degli anni '30 nel volume "Una domenica con il commissario Ricciardi " di Maurizio De Giovanni. E' stato cocuratore in  una mostra alla Biblioteca Marciana di Venezia su Rodolfo Namias con relativo catalogo. Ha scritto numerose recensioni e studi sulla storia della fotografia ed sul linguaggio fotografico. E' anche curatore di alcuni progetti collettivi che provano ad interagire con il territorio attraverso la fotografia come quello su Scampia e Ponticelli, coinvolgendo alcuni dei suoi numerosissimi allievi, oltre mille in venti anni di insegnamento. 

 

 

-.